Settori
Yersiniosi

La Yersiniosi è una malattia infettiva provocata da un batterio del genere Yersinia (un batterio gram-negativo, piccolo, a forma di bastoncino). Ci sono tre specie patogene per l'uomo nel genere Yersinia, ma solamente la Y. Enterocolitica e la Y. Pseudotubercolosis causano gastroenteriti. La Y. Pestis provoca invece delle piaghe.
Negli Stati Uniti, la maggior causa di infezione negli esseri umani è la Y. enterocolitica. Questa specie non fa parte della normale flora batterica umana. In Giappone sono state rilevate infezioni da Y. pseudotubercolosis trasmesse attraverso acqua contaminata ed alimenti. La Yersiniosi è molto più comune nel Nord Europa/Scandinavia e Giappone che negli Stati Uniti (dove ci sono circa 17.000 casi ogni anno). L'infezione è più frequente nel periodo invernale.
A secondo dell'età della persona contagiata, le infezioni da Y. Enterocolitica possono dar luogo ad una gran varietà di sintomi. L'infezione è più frequente nei giovani. Nei bambini, i sintomi più comuni sono: febbre, spasmi addominali e diarrea, spesso sanguinolenta. I sintomi tipici si sviluppano dopo 3-7 giorni dall'esposizione e possono perdurare da 1 a 3 settimane, o più a lungo. In adulti ed adolescenti i sintomi predominanti possono essere degli spasmi alla parte destra dell'addome e possono essere confusi con l'appendicite (talvolta si è pure ricorso ad un'inutile appendicectomia). In un piccolo numero di casi, possono anche insorgere complicazioni come bolle cutanee, dolori articolari e diffusione dei batteri nel flusso sanguigno.
Solo alcuni ceppi di Y. enterocolitica causano malattie negli esseri umani. La più importante riserva animale per questa Yersinia sono i maiali ma, altri ceppi si trovano anche su animali diversi, compresi roditori, conigli, ovini, bovini, equini, cani e gatti. Nei maiali, i batteri si trovano preferibilmente, nelle tonsille.
Nella maggior parte dei casi, l'infezione è contratta attraverso l'ingestione di alimenti contaminati, specialmente carne di maiale cruda o non ben cotta. La preparazione delle intestina di maiale (trippa) può essere particolarmente rischiosa. Un esempio può essere rappresentato dalla manipolazione di trippa da parte di un addetto alla cura dei bambini e da un inadeguato lavaggio delle mani. Il successivo contatto dei bambini o dei loro giocattoli, bottiglie, ciucci ecc. può provocare l'infezione. Anche bere latte non pastorizzato o acqua non potabile può trasmettere l'infezione. Occasionalmente l'infezione colpisce dopo il contatto con animali infetti. In rari casi l'infezione è il risultato del passaggio del batterio dalle feci e dalle dita sporche di una persona, alla bocca di un'altra. Questo può accadere quando l'igiene personale è inadeguata. Raramente, il microrganismo viene trasmesso anche attraverso il sangue, durante una trasfusione.
Si può prevenire l'infezione evitando di mangiare carne di maiale cruda o poco cotta e consumando latte e derivati, solo pastorizzati. Le infezioni crociate nelle aree di preparazione del cibo, possono essere prevenute con una buona igiene personale ed assicurandosi che le superfici e gli utensili siano puliti e disinfettati. Una scarsa sanitizzazione ed inadeguate procedure di sterilizzazione da parte di coloro i quali manipolano le sostanze alimentari, contribuiscono alla contaminazione da Yersinia negli alimenti
Risulta quindi chiaro che, la disinfezione ambientale e delle superfici, rappresenta un importante aiuto nella prevenzione della Yersiniosi.
Il Virkon è stato testato e si è dimostrato efficace contro le specie di Yersinia.

Test di efficacia del Virkon

ORGANISMOGENERECOMMENTIDILUIZIONE
Yersinia ruckeriModified Kelsey-Sykes1:50
Yersinia ruckeriSerotypeEuropean Suspension Test1:100

A cura di:
Dr. Vince Croud Technical Director Antec International Limited